Grottammare - Ciabbino 1-0

matt


Il Grottammare ritrova la vittoria: 1-0 al Ciabbino

 

GROTTAMMARE-CIABBINO 1-0

Grottammare: Beni, Valentini, Vallorani, Palladini, Vespasiani, Carminucci, Traini (72’ Cameli), De Cesare, Ludovisi, Iovannisci (77’ De Panicis), D’Angelo. All. Manoni

Ciabbino: Alessandrini, Esposito, Petritola, Coccia, Tomassetti, Oresti (85’ Luciani), Nardini (63’ Grilli), Tedeschi, De Marco, Iachini, Galli. All. Cappellacci

Arbitro: Santucci di Jesi

Marcatore: 27’ Traini (G)

Ammonito: 34’ Petritola (C)

Spettatori: 100 circa – Calci d’angolo: 3-2 per il Grottammare

Recuperi: 0 minuti nel p.t.; 2 minuti nel s.t.

Con una partita tutta grinta e generosità, il Grottammare ritrova la vittoria sul proprio campo in un inedito derby contro il neo promosso Ciabbino infarcito di ex e “rivede” i play-off. Su di un campo reso pesante dalla continua pioggia di questi giorni, diciamo subito che era quasi impossibile assistere ad un bell’incontro, il quale – nonostante le condizioni climatiche – è stato comunque molto corretto tanto che alla fine, sul taccuino dell’arbitro, è stato segnato un solo ammonito. I biancoazzurri di Case di Coccia di Folignano si sono presentati al “Pirani” privi di Filiaggi (squalificato) ed Adamoli (infortunato, un ex che con la maglia del Grottammare ha collezionato 153 presenze e 2 reti in sei campionati), ma con in più un altro ex, il figlio d’arte Iachini (78 presenze e 21 reti) tesserato giusto in tempo ieri mattina; al centro della difesa l’inedita coppia Tomassetti-Oresti (anche quest’ultimo un ex, 14 presenze nel 2010-11) e, in mezzo al campo, un altro già visto in maglia biancoceleste, Nardini: per lui 87 presenze e 12 reti in maglia biancoceleste. Nel Grottammare, invece, l’unico assente era il centrale difensivo Mattia Di Antonio che in settimana si è rotto, in allenamento, tibia e perone: a lui la squadra, all’inizio della partita, ha voluto dedicare una maglietta per augurargli una pronta guarigione, anche se per questo campionato sarà difficile rivederlo in campo. Ovviamente anche noi ci associamo al pensiero dei suoi compagni e lo aspettiamo, più forte di prima, sui campi di calcio con la sua bravura e serietà. Al suo posto Manoni ha dato fiducia a Vespasiani, un classe 2000 cresciuto nel settore giovanile che aveva già debuttato a Gallo di Petriano: oggi, come tre settimane fa, il giovane Lorenzo ha disputato un’ottima partita, dimostrando – senza un briciolo di emozione – una freddezza implacabile nei confronti degli avanti del Ciabbino, ossia De Marco e Galli, cioè due che vantano esperienza e reti anche in categorie superiori. Su di lui Manoni – che lo conosce bene avendolo allenato lo scorso anno nella Juniores – sa che può contare per sostituire Di Antonio, anche perché siamo convinti che il ragazzo ha la testa sulle spalle e non si monterà la testa. Per il resto, abbiamo visto un Ciabbino in grande difficoltà soprattutto in difesa; su questo aspetto, l’esperto neo allenatore Roberto Cappellacci (dieci giorni fa ha preso il posto di Stefano Filippini che da giocatore indossò la maglia del Grottammare vincendo il campionato di Promozione nel 2000-01, giocando anche l’anno successivo in Eccellenza per un totale di 53 presenze e 6 reti) dovrà lavorare molto. Ora, con il mercato di riparazione aperto fino a metà mese, potrà trovare gli elementi giusti per far raggiungere al Ciabbino (società nata nel 2003 e dedicata ad un giovane – Valerio Ciabattoni detto, appunto, Ciabbino – scomparso prematuramente) quella salvezza che comunque è alla portata del valore della squadra. Detto questo, passiamo alla cronaca, in verità molto scarna.

Il Grottammare prova subito l’affondo e al primo minuto D’Angelo mette al centro, dalla sinistra, un cross basso intercettato dal portiere Alessandrini al quale, però, sfugge la palla ma Ludovisi, nei pressi, non ne sa approfittare. Dopo due velleitari tentativi di De Marco e Galli (all’11’ e al 19’) finiti abbondantemente alti, al 21’ si accende Iovannisci, il quale – ricevuta palla da Traini – si accentra da destra e spara in porta ma Alessandrini si distende e riesce a deviare in angolo. Al 27’ il Grottammare passa: Palladini recupera palla sulla trequarti e lancia alla perfezione Carminucci inseritosi sulla sinistra: stop e tiro immediato ma addosso al portiere in uscita; la palla schizza al centro dell’area dove Ludovisi, sbilanciato da un avversario (c’erano forse gli estremi per un calcio di rigore) non riesce ad intercettarla ma alle sue spalle giunge Traini che la butta dentro. Il Ciabbino non ci sta e prova subito a pareggiare: al 36’ Iachini ruba palla fuori area e tira forte in porta, Beni c’è e para; al 43’ Tedeschi crossa dalla destra, Nardini con ottima elevazione intercetta il pallone di testa che però termina fuori; un minuto dopo, ancora Nardini cerca il gol dell’ex ma la sua conclusione da fuori area è facile preda del portierone di casa.

La ripresa comincia come era iniziato il primo tempo: D’Angelo, al 46’, mette in mezzo un cross basso dalla sinistra, al portiere Alessandrini sfugge la presa bassa, Iovannisci è però in ritardo e la difesa libera. Dopo tre minuti ci prova il capitano De Cesare con una bella azione solitaria in slalom, il portiere non trattiene il tiro ma Ludovisi è in ritardo e l’azione sfuma. Al 63’ un involontario assist di Valentini permette a Nardini di “vedere” la porta, ma la sua conclusione è fuori. Al 69’ il Grottammare costruisce una bella azione corale con D’Angelo che va via sulla sinistra, appoggia a De Cesare il quale, a sua volta, allarga a Ludovisi in ottima posizione; il bomber cerca di piazzare la palla che esce davvero per un niente alla sinistra del portiere del Ciabbino. Con il passare dei minuti, la stanchezza comincia ad affiorare sulle gambe dei giocatori e la partita si addormenta: palla lunga e pedalare è il motto che va di moda in mezzo al campo (nel frattempo illuminato dalla luce artificiale dei riflettori) e solo qualche episodio può risvegliarla dal torpore. All’86’ il Grottammare va vicino al raddoppio con D’Angelo che serve un pallone al bacio a Ludovisi al centro dell’area ma questa volta Alessandrini si supera e respinge alla grande. Con gli avversari tutti sbilanciati in avanti, nel primo minuto di recupero è invece Ludovisi a lanciare il neo entrato De Panicis il quale, dopo una lunga galoppata solitaria, arriva davanti al portiere avversario che, anche questa volta, ci mette una pezza deviando in angolo. Finisce qui un incontro, come detto, non bello ma che comunque il Grottammare ha meritato di vincere. Ora si guarda subito a domenica prossima quando al “Pirani” scenderà un’altra new entry dell’Eccellenza, quell’Ilario Lorenzini di Barbara mai incontrato finora in campionato, per poi chiudere il girone di andata a Fano in casa di un’altra neo promossa, l’Atletico Alma.

COMMENTI

Manolo Manoni (Grottammare)

Innanzitutto voglio dedicare questa bella vittoria a Mattia Di Antonio, un ragazzo fantastico, vittima in settimana di un brutto infortunio, al quale va tutto il nostro appoggio. Della partita posso dire che non è stata per niente facile, giocata su un campo ridotto al limite della praticabilità. Sono alcune domeniche  che stiamo facendo molto bene a livello tattico, tanto che il nostro portiere viene impegnato solo da calci piazzati. I ragazzi anche oggi ci hanno messo cuore e carattere e sono contento della loro prestazione.

Roberto Cappellacci (Ciabbino)

Speravamo di fare bene, di portare a casa almeno un punto e tutto sommato la squadra non mi è dispiaciuta, si è comportata bene. Ma è ovvio che abbiamo dei problemi in tutti i reparti, altrimenti non saremmo ultimi in classifica. Il calcio è fatto di episodi, chi meno sbaglia vince: oggi il Grottammare non ha sbagliato e ha vinto. Ora dobbiamo abbassare la testa e lavorare, prepararci bene e fare punti nel prossimo incontro contro il Marina: solo un risultato positivo ci può dare lo stimolo giusto per le partite successive.

Michele Rossi

Testo © dell’Autore e dell’Editore

Nella foto © di Enrico Tassotti, i giocatori del Grottammare con la maglia dedicata allo sfortunato compagno Mattia Di Antonio

https://www.tmnotizie.com/grottammare-ritrova-la-vittoria-1-0-al-ciabbino/

 

 

You are here Home